Pubblicato il 26 maggio 2017.

Fabbricati Rurali non iscritti al Catasto Fabbricati: come rimediare

L’Agenzia delle Entrate nei prossimi giorni invierà più di un milione di avvisi bonari per regolarizzare i fabbricati rurali ancora iscritti al Catasto Terreni e non ancora dichiarati al Catasto Edilizio Urbano.

A quanto pare risultano ancora circa 800 mila i proprietari di fabbricati rurali, o loro porzioni, censiti al Catasto Terreni. Chi risponderà agli avvisi dell’Agenzia presentando una dichiarazione di aggiornamento catastale beneficerà dell’istituto del ravvedimento operoso, risparmiando notevolmente sulle sanzioni: invece di dover pagare un importo compreso tra i 1.032 e gli 8.264 euro, dovrà versare un importo di soli 172 euro (pari ad 1/6 del minimo).

L’avviso bonario consentirà quindi a ciascun soggetto di conoscere la propria posizione e verificare quali immobili sono soggetti all’obbligo di dichiarazione. Nel caso in cui l’avviso ricevuto dall’Agenzia dovesse presentare delle inesattezze, il proprietario potrà comunicarle all’Agenzia compilando l’apposito modello di segnalazione allegato all’avviso o
utilizzando il servizio online disponibile sul sito dell’Agenzia (dove sono disponibili ulteriori informazioni sui fabbricati rurali nella sezione Cosa devi fare > Aggiornare dati catastali e ipotecari > Fabbricati rurali).

Fonte: www.ediltecnico.it/