RSPP Modulo B8 (24 ore)

Il Corso RSPP-ASPP Modulo B è predisposto per soddisfare le indicazioni presenti nell’ art. 32 del D.Lgs. 9 Aprile 2008, n. 81 e nell’Accordo stato Regioni 26/01/2006.
Il Corso assolve gli obblighi indicati nel D.lgs 81/2008 e D.lgs 106/09 e gli aggiornamenti dell'ultimo accordo Stato Regioni in materia di prima formazione ed aggiornamento dei lavoratori di qualsiasi azienda, impresa, servizi, nel settore privato ed il quello pubblico, con qualsiasi tipologia di contratto (fisso, progetto, temporale, atipico).

Destinatari: Il MODULO B di specializzazione è obbligatorio per RSPP e ASPP. Esso è adeguato alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro e relativi alle attività lavorative.

Obiettivi: Acquisire conoscenze relative ai fattori di rischio e alle misure di prevenzione e protezione presenti negli specifici comparti. Acquisire capacità d’analisi per individuare i pericoli e quantificare i rischi presenti negli ambienti di lavoro del comparto. Contribuire all’individuazione d’adeguate soluzioni tecniche, organizzative e procedurali di sicurezza, per ogni tipologia di rischio. Contribuire ad individuare, per le diverse lavorazioni del comparto, gli idonei dispositivi di protezione individuali – DPI. Contribuire ad individuare i fattori di rischio per i quali è prevista la sorveglianza sanitaria.

Programma del corso:
Modulo 1
Valutazione dei Rischi
•Obbiettivi della valutazione dei rischi
•Analisi dei pericoli e dei rischi: sequenza logica (fase preliminare, identificazione dei fattori di rischio e dei lavoratori esposti, stima dell’entità di esposizione ai pericoli, stima della gravità e della probabilità degli effetti, programmazione o messa in atto delle misure di prevenzione)
•Ruolo del Datore di lavoro, dirigenti e preposti
• Elementi per la costruzione di una matrice

Modulo 2
Analisi dei rischi
•Rischi derivanti dall’organizzazione del lavoro
• Ambienti di lavoro (Allegato IV D.Lgs.81)
• Movimentazione manuale dei carichi (titolo VI D.Lgs.81/08
• Movimentazioni, sollevamento, mezzi di trasporto (Allegato V parte II)
•Il rischio infortuni
• Rischio elettrico
• Rischio meccanico
• Rischio di particolari attrezzature
• Rischio cadute dall’alto (Titolo IV Capo II)
• Patologie correlate alla MMC

Modulo 3
Rischio fisico e biologico
•Il rischio chimico (Titolo IX D.Lgs. 81/08)
• Gas, vapori, fumi
• Polveri, nebbie
• Liquidi
• Etichettatura
•Il rischio fisico e biologico (Titolo VIII D.Lgs. 81/08)
• Rumore
• Vibrazioni
• Microclima
• Illuminazione
• Radiazioni
• Videoterminali
• Il rischio biologico (Titolo X D.Lgs. 81/08)
• Gestione del rischio residuo: DPI Collettivi ed individuali

Modulo 4
Esercitazione
•Applicazione pratica della matrice su un modello predisposto e su singoli casi aziendali

Modulo 5
La sicurezza antincendio
•Discussione e analisi delle esercitazioni sulla matrice
•Normativa sulla prevenzione incendi e lotta antincendio
• Principi sulla combustione
• Principali cause di incendio in relazione allo specifico ambiente di lavoro
• Rischi alle persone ed all’ambiente
• Rischi alle parsone ed all’ambiente
• Specifiche misure di prevenzione incendi; accorgimenti comportamentali per prevenire gli incendi.
• Importanza del controllo degli ambienti di lavoro
• Importanza delle verifiche e delle manutenzioni sui presidi antincendio
• Illuminazione di sicurezza
• La protezione antincendio
• Misure di protezione passiva
• Vie di esodo, compartimentazioni, di stanziamenti
• Attrezzature ed impianti di estinzione
• Sistemi di allarme
• Segnaletica di sicurezza
• Impianti elettrici di sicurezza
• Illuminazione di sicurezza

Modulo 6
Le emergenze
• Procedure da adottare in caso di evacuazione
• Procedure da adottare quando si scopre un incendio
• Procedure da adottare in caso di allarme
• Modalità di evacuazione
• Modalità di chiamata dei servizi di soccorso
• Collaborazione con i vigili del fuoco in caso di intervento
• Esemplificazione di una situazione di emergenza e modalità procedurali –operative
• Presa visione e chiarimenti sulle principali attrezzature ed impianti di spegnimento
• Presa visione sulle attrezzature di protezione individuale
(maschere, auto protettore, tute, etc.)

Test
• Scheda di Valutazione del gradimento.
• Test finale finalizzato all’accertamento delle conoscenze acquisite.

Risorse

Allegati

Articoli correlati